Puntura di medusa: cosa fare

By 4 Agosto 2018News
vespa di mare

PUNTURA DI MEDUSA
Sono dolorose e sono molto frequenti.
Per fortuna nei mari italiani non sono presenti quelle specie di meduse che invece in altre località del mondo, con l loro puntura possono uccidere.
Una su tutte: la cubo medusa, nota anche come
vespa di mare. 

vespa di mare

PERCHE LA PUNTURA DI MEDUSA È COSI’ DOLOROSA?
Le meduse paralizzano le loro prede.
Come? Con il liquido presente sui loro tentacoli. Queste sostanze urticanti sono contenute in delle cellule: cnidocisti.
Quando queste cellule entrano a contatto con una preda, o con un bagnante nel nostro caso, le sostanze urticanti vengono liberate, provocando prurito e dolore, e arrossamento e lesioni cutanee di vario genere.
Spesso si capisce che si è stati punti da una medusa a causa delle lesioni molto riconoscibili, si vede proprio la forma del tentacolo sulla parte colpita.

veleno medusa

PUNTURA DI MEDUSA: COSA NON FARE.
In primis non farsi prendere dal panico e riavvicinarsi a riva.
Ma la cosa più importante è non toccare e non strofinare la parte colpita.
Spesso le vescicole che contengono il veleno (cnidocisti) restano sulla pelle ma sono ancora integre e non hanno ancora rilasciato il veleno.
Andando a strofinarle rischiamo di romperle e liberare ulteriore sostanza urticante.
Utilizzare l’ammonica (o la pipì) sulle punture di medusa o poggiare sulle punture delle pietre calde non è assolutamente utile.

PUNTURA DI MEDUSA: COSA FARE.
C’è una cosa che potete utilizzare e che al 100% avrete a portata di mano, ed è l’acqua di mare.
Lavate le zone colpite con acqua di mare e non con acqua dolce. L’acqua dolce infatti può provocare la rottura delle vescicole e il rilascio del veleno (quello che succede se vi grattate).
Sciacquare abbondantemente con acqua salata invece porta via le vescicole urticanti senza romperle.
Se avete un po’ di aceto invece, potete utilizzarlo insieme all’acqua di mare, perchè calma il dolore. Create degli impacchi di acqua di mare e aceto per 5 – 10 minuti.
Se a portata di mano avete anche del cortisone potete utilizzarlo per bloccare l’infiammazione.

RICAPITOLANDO

COSA FARE COSA NON FARE
Mantenere la calma e tornare a riva Non grattare o strofinare la parte colpita
Sciacquare con acqua di mare e dell’aceto Utilizzare ammoniaca 
Usare del cortisone Coprire la ferita con qualcosa di caldo

Sei stato punto da una tracina? Leggi cosa fare in caso di puntura di tracina. Clicca qui

Leave a Reply

Chiama ora

Navigando su questo sito, sei d'accordo sull'utilizzo dei cookies Maggiori info

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi