CRISI EPILETTICA: COME SI INTERVIENE.

CRISI EPILETTICA O EPILESSIA?

Spesso i 2 termini vengono scambiati. L’epilessia è una malattia, che è stata diagnosticata e una delle sue manifestazioni può essere la crisi epilettica.
Chi soffre di epilessia ha un elevato rischio di essere soggetto a crisi epilettiche nel tempo e nell’arco della propria vita.

La crisi epilettica invece è un sintomo ed è il termine con cui individuiamo il singolo episodio. Può manifestarsi a qualsiasi età e non possiamo prevedere se e quando se ne verificherà una seconda. Un soggetto infatti potrebbe avere anche una sola crisi epilettica nella vita, dovuta a motivi o condizioni patologiche che non affronteremo in questo articolo

CRISI EPILETTICA: QUANTO DURA

Durante una crisi epilettica c’è un’alterazione dello stato di coscienza e molto spesso movimenti involontari di tutto il corpo o solo di parte di esso. La crisi può avere una durata variabile da secondi a qualche minuto e non c’è modo di sapere quando terminerà.

La crisi epilettica spesso è anticipata da una serie di disturbi che il soggetto può riconoscere, definiti come AURA, in cui il paziente avverte senso di nausea, alterazione dello stato di coscienza e disturbi visivi (Scotomi).
Ciò vuol dire che un soggetto che ha avuto crisi epilettiche in passato, precedute dall’aura, potrebbe essere in grado si sapere in anticipo che sta per scatenarsi una crisi epilettica ed eventualmente comunicarlo a qualcuno dei presenti.

CRISI EPILETTICA: COSA FARE E COME INTERVENIRE

Spesso durante i nostri corsi ci viene chiesto come intervenire in occasioni di attacchi epilettici e purtroppo sentiamo le più svariate soluzioni e modalità di intervento e vogliamo provare a fare chiarezza.

Quando una crisi epilettica è iniziata, non c’è nulla che possiate fare se non aspettare che termini!

COSA NON FARE

Assolutamente sconsigliato provare ad aprire la bocca dell’infortunato e provare a somministrare liquidi. La lingua non viene “inghiottita” come spesso sentiamo dire. Come abbiamo detto ci sono spasmi muscolari, e l’apertura e la chiusura della bocca è possibile grazie ai muscoli, muscoli di cui il paziente in quel momento non ha il controllo, quindi rischierebbe di mordervi fino a tranciarvi un dito.
Tanto meno è utile, anzi molto pericoloso, somministrare liquidi e provare a dar da bere.

Non far stendere su di un lettino o qualcosa di alto da terra perchè gli spasmi potrebbero portarlo alla caduta con conseguenti traumi. A questo punto meglio farlo stendere per terra in modo da evitare la caduta.

Non provare a controllare le convulsioni o limitare i movimenti degli arti (gambe e braccia) o della testa e del collo, perchè rischiereste di provocare lesioni (anche la frattura).

COSA FARE

Potete provare a ridurre i traumi dovuti agli spasmi e agli urti, ad esempio posizionando un cuscino o qualcosa di soffice sotto la testa del paziente. Può essere utile togliergli gli occhiali e allontanare oggetti pericolosi. Un cappotto o altri indumenti morbidi possono tornare utili per creare una superfice più morbida.

Quando la crisi è terminata posizionatelo su un fianco (posizione laterale di sicurezza) con la testa iperestesa all’indietro, in modo da favorire la respirazione e facilitare il deflusso della saliva, che spesso in queste crisi viene prodotta in grandi quantità.

Valutare lo stato di coscienza al termine della crisi, provando a chiamare il soggetto.

Al termine della crisi epilettica è utile posizionare la vittima in posizione laterale di sicurezza. Tale manovra è uno degli argomenti del corso BLSD. Per maggiori info, clicca qui.

FARMACI

Spesso chi soffre di epilessia porta con se dei farmaci, anche soggetti minorenni che li portano con loro a scuola. La somministrazione del farmaco può essere opportuna durante la crisi.
Somministrarla quando questa è già esaurita è inutile.
Prima di somministrare questi medicinali è opportuno aver condiviso le procedure con i genitori del soggetto previo parere medico.

LEGA ITALIANA CONTRO L’EPILESSIA

Se sei un paziente epilettico o un tuo parente ne soffre ti suggeriamo di consultare siti affidabili per reperire informazioni corrette, uno su tutti è la lega Italiana Contro L’Epilessia (LICE). Cliccando qui potrai accedere al loro sito internet.

Condividi queste informazione con i tuoi contatti sui social network

Dr. Giovanni Dipietro
Dr. Giovanni Dipietro

Direttore GOODFOR LAB

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *