Bagnino o spiaggista?

Il bagnino di occupa di soccorso, lo spiaggista ha altre mansioni. Spesso però il primo sostituisce l'altro, con un grave pericolo per la popolazione balneare. Facciamo chiarezza su questo tema.

Di cosa parla questo articolo:

Bagnino o spiaggista?

I compiti del bagnino sono ben precisati. Spesso però negli stabilimenti balneari, il bagnino ha anche il ruolo di spiaggista. 

Compiti del bagnino

Lo potete chiamare bagnino di salvataggio, assistente bagnante o più all’americana guardispiaggia, è ha un ruolo ben preciso:

  • previene gli incidenti in acqua (mare, piscina o lago che sia);
  • interviene in caso di incidenti (salvataggio) e attua il primo soccorso; clicca per approfondire
  • Fa si che vengano rispettate le ordinanze emanate dalla Capitaneria di Porto

Questi sono i principali compiti del bagnino di salvataggio.

Mansioni dello spiaggista

Le mansioni dello spiaggista non sono invece così ben delineate come i compiti del bagnino. Solitamente si occupa di accogliere i clienti del lido, fornisce loro spiaggine, ombrelloni, sedie sdraio, etc; mantiene puliti gli spazi o serve bevande etc. Una cosa è certa.

Non si occupa del salvataggio.

Molti bagnini fanno gli spiaggisti

Questa ormai è una pratica consolidata. I titolari di molti stabilimenti, invece di assumere 2 persone, un bagnino e uno spiaggista, ne assume solo una, ovvero il bagnino (lo devono avere per legge), affidando a lui anche le mansioni di uno spiaggista.

I due ruoli però sono incompatibili. Durante il suo servizio il compito del bagnino è quello di presidiare e vigilare i bagnanti. Se ha una necessita, fosse anche andare in bagno o fare la pausa pranzo, deve avere qualcuno che lo sostituisce, altrimenti rischia anche una denuncia colposa per interruzione di pubblica attività, per esempio.

E ne risponde anche amministrativamente, anche se il bagnino stava svolgendo un’altra attività, anche se su ordine del proprio datore di lavoro.

Avere un bagnino che durante il suo servizio deve provvedere a rifornire il lido di lettini e ombrelloni vuol dire non presidiare e non vigilare sui bagnanti. E in caso di incidente, come un annegamento, può risponderne personalmente a livello penale.

Come evitare tutto questo?

Il cambiamento parte sempre da noi stessi.
In primis ci rivolgiamo agli stabilimenti balneari e ci affidiamo alla loro correttezza.
In secondo luogo se vi capita fate presente che questo tipo di attività non è corretta, ma ancor di più quando vi trovate a mare, rispettate le indicazioni del bagnino.

La bandiera rossa vuol dire che il fare il bagno è pericoloso, ad esempio se c’è mare molto mosso o vento di terra, ovvero mare calmo, ma il vento ci spinge a largo.

Comportiamoci in maniera corretta assecondiamo le indicazioni di chi il mare lo conosce, e proprio per questo sa che il mare è sempre ostile.

 

Lascia un commento

iscriviti alla newsletter

Non perdere le novità e gli sconti sui nostri corsi

Resta aggiornato sul mondo dell’emergenza e della formazione nel primo soccorso, e non lasciarti sfuggire l’occasione di partecipare ai nostri corsi a prezzo agevolato.